Visitors 15
Modified 6-Apr-15
Created 6-Apr-15

VISIVA - la città dell’immagine presenta al MIA MILAN IMAGE FAIR
DARK CITIES di Daniele Cametti Aspri
a cura di VISIVA, Auronda Scalera e Massimo Ciampa
Inaugurazione riservata ad inviti venerdì 10 aprile ore 15
Milano, sabato 11 Aprile – lunedì 13 Aprile 2015
MIA FAIR stand N.44 Corridoio A


VISIVA, il polo dell'arte più grande in Italia con oltre 7000 mq dedicati alla cultura, partecipa per la prima volta a MIA Milan Art Fair (Stand N.44 Corridoio A), presentando “Dark Cities” di Daniele Cametti Aspri, la prima mostra fotografica a lume di candela, a cura di Auronda Scalera e Massimo Ciampa. La mostra è un viaggio sensoriale in cui nulla è scontato e nulla è immediatamente visibile: l'atmosfera e l'eleganza di "Dark Cities" non potranno che avvolgere e coinvolgere ogni spettatore.
“Visiva - La città dell’immagine” nasce come polo culturale di Roma formato da 3 gallerie d'arte, un museo one book, una scuola di fotografia, cinema e grafica, sale posa, studi d'artisti ed una magnifica terrazza panoramica di 1500 mq su Roma. Un progetto che coinvolge ogni forma d’arte a 360 gradi e si divide in VISIVA GALLERY per la promozione di autori emergenti o già noti che utilizzano la sperimentazione come elemento distintivo; VISIVA SCHOOL, con master ed insegnanti internazionali e VISIVA EVENTI, divisione legata a festival internazionali e grandi esposizioni nei musei italiani e nel mondo.

VISIVA è gemellata con numerosi poli culturali in Italia e all’estero, è produttore di contenuti culturali innovativi e originali e negli anni ha organizzato mostre di respiro internazionale, ospitando nei suoi spazi artisti del calibro di Lucia Gardin, Fabio Lovino, Franco Losvizzero, Art in Lodge con un'opera esposta al MOMA, Olga Tobrelutz (MOMA di NY ed Hermitages di San Pietroburgo), Fred Fleisher, Philip Buzz, Angelo Turetta, Carlo Gianferro, Fausto Podavini (World Press Photo 2013).

DARK CITIES: PARIS
Presentato per la prima volta a Milano, “Dark Cities: Paris” è la prima tappa di un lungo progetto che ha portato il fotografo Daniele Cametti Aspri ad esplorare le capitali europee sotto “nuova luce”. Si tratta di un’evoluzione del lavoro dell’artista nello studio della luce, precedentemente esplorato attraverso la ricerca di toni molto chiari all’interno di ambienti degradati, ed ora attraverso la ricerca della bellezza nell’oscurità.
Il senso del progetto fotografico è, infatti, strettamente legato all’universo descrittivo della luce, o in questo caso della sua quasi assenza, sia dal punto di vista del soggetto ripreso sia della sua riproduzione, in un delicato gioco fatto di ombre ed oscurità che porta a scoprire lentamente luoghi noti e meno noti in una visione lontana dal consueto.
Quando si entra in un luogo oscuro da un ambiente luminoso si vive inizialmente una sorta di disorientamento e gli occhi faticano per i primi minuti ad abituarsi al buio. Col passare del tempo, lentamente, grazie alla luce residua, che filtra da sotto una porta, o forse da un lampione lontano, inizia a delinearsi una realtà diversa. La luce fioca si appoggia sulle strutture circostanti disegnando un gioco di forme e superfici acromatiche con sfumature di grigi scuri più o meno intensi che arrivano fino al nero.
Come accade in una camera stenopeica dove un piccolissimo raggio di luce dipinge la fotografia sul negativo, le immagini di “Dark Cities” arrivano all’occhio dello spettatore che vi si pone di fronte contemplandole come se si trovasse in una camera oscura: una visione che supera la barriera del reale e arriva direttamente all’anima, trasmettendo empaticamente le sensazioni percepite sui luoghi che si sono attraversati.
“Tutto è nato da una vertigine avuta alla vista notturna del Petit Palais, mentre le luci della Tour Eiffel si stagliavano in cielo alle sue spalle.– commenta l’autore Daniele Cametti Aspri - Nelle mie perlustrazioni notturne delle maggiori capitali europee, in cui l’umanità è pressoché assente si avverte il silenzio, la solitudine di un uomo immerso nel buio che si tiene distante dalla società e ne osserva il suo evolversi, in disparte e nascosto. Luce ed oscurità sono i due lati opposti dello stesso percorso narrativo con cui racconto i territori che attraverso. opposti e complementari, imprescindibili l’uno dall’altro come il nero ed il bianco e la notte ed il giorno.”
Questo primo viaggio nell’oscurità urbana parte da Parigi, la Ville Lumière, la Città della Luce: il luogo migliore per poter cogliere la parte oscura. Terminato il lavoro su Parigi, il fotografo sta completando la postproduzione della due tappe successive, Barcellona e Roma, dopodiché partirà alla volta di nuove capitali per terminare il progetto.

L’allestimento a Mia Milan Image Fair
L’aspetto estetico dello stand di Milano avrà un ruolo fondamentale, infatti l’allestimento di “Dark Cities” al MIA Fair ricreerà l’oscurità fortemente ricercata dall’artista, per restituire allo spettatore empaticamente le sensazioni vissute nel suo percorso emozionale attraverso l’oscurità delle città.
“Ogni fotografia sarà autosufficiente nella sua illuminazione apparendo come una normale stampa Fine Art di dimensioni 70x100 per poi trasformarsi in un’installazione interattiva al buio – ha commentato Auronda Scalera, curatrice della mostra e Direttrice Culturale di VISIVA - Per tale motivo abbiamo optato per un allestimento totalmente nero, dalle pareti ai soffitti, in cui ogni fotografia sarà illuminata grazie all’utilizzo di cornici dotate di led che valorizzeranno le zone più chiare della tela, mantenendo la porosità della carta e l’effetto opaco di una normale stampa, ma consentendo allo spettatore di immergersi nelle vie di una Parigi notturna mai così affascinante.
Un sottofondo musicale condurrà lo spettatore nella visione della mostra così come le luci ne accompagneranno gli stati d’animo, coordinandosi anche a tempo di musica o allineandosi col tempo atmosferico.

Biografia Daniele Cametti Aspri
Daniele Cametti Aspri è nato a Roma nel 1968. Nel 1989, all’età di 19 anni, ha fondato la rivista cinematografica professionale Acting News, che dirige a tutt’oggi sul web ed è un punto di riferimento per l’informazione sulla produzione cinematografica in Italia. Vista l’inclinazione tecnica e creativa, nel 2000 fonda una società di Authoring che affianca all’attività giornalistica e tutt’oggi realizza DVD e Blu Ray per le maggiori case di distribuzione home-video. Da sempre grande appassionato di comunicazione, grafica ed immagine sia cinematografica che fotografica, nel 2003 si avvicina alla fotografia con la nascita di suo figlio, ed inizia a frequentare workshop e corsi presso la struttura di Officine Fotografiche a Roma. Da allora non ha più smesso.
Ha esposto in numerose collettive e personali: nel 2012 al Festival Fotoleggendo con Gente di Capocotta; nel 2013 al Naked City Fest, American Dream; nel 2013 al Festival Fotografia di Roma, Unrelated; nel 2014 a Foiano Fotografia, Verde Contemporaneo; nel 2015 a 2NC Fest, Dark Cities/Verde Contemporaneo; nel 2015 presso The Mill, Dark Cities (solo exibition); 2015 presso MIA FAIR, Dark Cities.

INFO MOSTRA
Date Apertura: 10-13 Aprile 2015 ore 11:00 -21:00
Inaugurazione (su invito): 10 Aprile ore 15.00 - 22:00
Luogo: MIA FAIR presso THE MALL – PORTA NUOVA, MILANO
Stand N.44 Corridoio A
Evento FB: https://www.facebook.com/mostradarkcities
http://www.miafair.it/milano/

Organizzazione
Auronda Scalera
VISIVA la città dell'immagine
Tel: +39 -480380883
Mail: press@visiva.info
www.visiva.info

Ufficio stampa
6Glab – il laboratorio di idee di SEIGRADI / Barbara Gemma La Malfa
Via G. Mameli 3 – 20129 Milano
Tel. +39.02.84560801/ Fax +39.02.84560802
Email: Visiva@seigradi.com
Pagina Facebook: 6Glab
Twitter: @6Glab
www.seigradi.com