Ore 6 del mattino, Ostia, 26 settembre, il giorno dopo per la Polverini, un giorno come un altro per milioni di Italiani.
Lei si è liberata dalle non-responsabilità, gli italiani sono ogni giorno più poveri. Alle sei del mattino soli con i loro pensieri iniziano ad affrontare la giornata dopo un buon caffè, l'unico vizio a cui non sanno proprio rinunciare.
Eh si, gli hanno tolto tutto, persino la possibilità di sognare di emergere da una crisi diventata ormai asfissiante, in cui chi governa non solo non aiuta, ma ne è addirittura partecipe.
Una tazzina di caffè. L'unica cosa che li accomuna a uomini come Fiorito. Anche lui lo berrà, dopo le ostriche naturalmente.
_W1C5424_W1C5419_W1C5426_C3Q3061_C3Q3072_C3Q3182_C3Q3081_C3Q3085_C3Q3091_C3Q3095_C3Q3107_C3Q3110_C3Q3115_C3Q3122_C3Q3125_C3Q3129_C3Q3138_C3Q3144_C3Q3149_C3Q3151